'Lo squalo' di Spielberg, quel mostro che è il simbolo di un'epoca.




Il 20 giugno di 45 anni fa usciva nelle sale il capolavoro del maestro americano. Un film che racconta molto dell'epoca in cui fu girato ma che si può rileggere anche con lo sguardo contemporaneo. Lo squalo, nel pieno degli anni '70, inaugura una maniera nuova di vedere (e sentire) l'orrore. Nel biennio precedente erano usciti altri due titoli che giocavano con l'orrore immergendolo nella luce del mondo contemporaneo, Non aprite quella porta e L'esorcista, ma quella di Spielberg è un’operazione più duratura, che incide sul mainstream. Come tutti i grandi simboli, lo squalo è tante cose. Interpretazioni in chiave di metafora sessuale o politica si sono susseguite da subito. Eppure, come diceva un grande critico italiano, Franco La Polla, lo squalo è anzitutto uno squalo, come il Moby Dick di Melville. Una creatura fisica, un vettore di suspense. Proprio questo suo essere anzitutto motore del racconto gli consente di poter rappresentare tante cose, ma oggi la cosa più interessante è forse vederlo anche come espressione di un'epoca.

Emiliano Morreale - 2020-06-12


Total Like: 1
Eseguire l'accesso per poter commentare e votare le notizie.
www.000webhost.com